Assistenza legale immobiliare: compravendite e tuteLa proprietà

Con l’avvocato Pamela Fabrizi la parte venditrice o acquirente può godere di una assistenza personalizzata:

– redazione del contratto preliminare di compravendita (c.d. compromesso);
– assistenza sino alla stipula del contratto definitivo;
– assistenza nella fase patologica della compravendita in caso di problemi (vizi o difetti, risarcimento danni, inadempimento di una delle parti etc…).

Scopri quali sono i problemi legali più comuni di chi compra e vende casa

Cosa è il contratto preliminare?

E’ un contratto che viene stipulato tra parte promissaria venditrice e parte promissaria acquirente avente a oggetto la promessa di vendita di un immobile.

Acconto o caparra confirmatoria?

Alla sottoscrizione del compromesso solitamente il promissario acquirente versa all’altra parte una somma di denaro. Se nulla è specificato nel contratto, questa somma è considerata quale “acconto” sul prezzo. Ciò significa che nel caso in cui si voglia attribuire a tale somma valenza di caparra confirmatoria, questo dovrà essere espressamente specificato.
La differenza sta nel fatto che solo la caparra confirmatoria può avere natura risarcitoria: in caso di inadempimento del compratore la caparra versata può essere trattenuta dal venditore ; viceversa, l’acquirente ha diritto alla restituzione del doppio della caparra versata.

Cosa deve contenere il compromesso?

Il contratto preliminare di compravendita o compromesso deve avere la forma scritta e deve avere un contenuto minimo per non essere considerato nullo: consenso delle parti, bene immobile oggetto della vendita (indirizzo, tipologia, dati catastali, descrizione), prezzo della vendita.

Perché è importante registrare il contratto preliminare di compravendita?

La trascrizione del contratto preliminare è una importante garanzia a tutela dell’acquirente poiché ciò rende la promessa opponibile a terzi. Infatti, con il preliminare non avviene il trasferimento della proprietà (che c’è solo con l’atto di vendita definitivo). Il venditore pertanto potrebbe, nel frattempo, vendere l’immobile ad altri soggetti ovvero costituire sull’immobile diritti reali di godimento (es. un usufrutto) o iscrivere ipoteca. Il promissario acquirente, in assenza di registrazione, ha come unica forma di tutela quella risarcitoria.

Cosa fare se l’altra parte non vuole stipulare il contratto definitivo?

La parte adempiente può avvalersi della tutela prevista dall’articolo 2932 c.c. ovvero l’esecuzione specifica dell’obbligo di contrarre. In pratica, può ottenere una sentenza che produce i medesimi effetti del contratto definitivo non concluso. In questo modo il trasferimento della proprietà avviene a seguito di un provvedimento giudiziario.

Risolvi ora i tuoi problemi legali